Archivi tag: vallejo

Pirates of the Death’s Fangs: Armored Off Road, painting time.

Ora di iniziare la colorazione, a partire dalla base, un primer nero polivinilico della Vallejo. Ormai come d’abitudine parto da una base nera, che mi permette di agire con i colori andando a schiare le zone che mi interessano.

Gli effetti di scrostatura sono realizzate con la tecnica della lacca usando però come liquido distaccante il prodotto Run Off di True Earth.

Costruirsi una valigetta per il modellismo.

Penso che uno dei problemi principali che si incontrano modellando, sia la mancanza di spazio e costruire una valigetta per il modellismo che tenga organizzato tutto, possa essere una buona soluzione.

Non ce n’è mai abbastanza e non è mai abbastanza organizzato. In più, diciamocelo, spesso noi modellisti siamo un po’ maniaci e ci piace avere tutte i nostri attrezzini bene in ordine ed allineati.

A questo si aggiunge poi che alcuni modellisti lavorano anche fuori casa, in particolare mi riferisco a chi frequenta club o ritrovi tra amici.

Essendo io un modellista fissato con l’attrezzatura e che lavora anche fuori casa ho voluto provare a trovare una soluzione, dotandomi di un “laboratorio portatile” per poter lavorare un po’ ovunque. Il risultato è stata una valigia per il modellismo, che potesse essere contemporaneamente capiente, funzionale e comoda. Continua la lettura di Costruirsi una valigetta per il modellismo.

Diluire i Vallejo Model per l’aerografo, ma non solo con l’acqua.

Tamiya Lacquer Thinner - Tamiya Tappo Giallo
Tamiya Lacquer Thinner - Tamiya Tappo Giallo

Più passa il tempo è più mi innamoro della finitura e della qualità dei colori Vallejo Model Color. Anche se inizialmente l’approccio ad aerografo con questi colori era stato un po’ problematico (qua l’articolo) ora, dopo un po’ di esperienza, mi trovo assolutamente soddisfatto.

Qual’è stato uno dei fattori determinanti? Il cambio di diluente da semplice acqua distillata ad acqua distillata + diluente per smalti.

Durante le prove fatte avevo notato che qualunque diluente per acrilici, se usato con i Vallejo (che sono acrilici, ma a base vinilica) non solo non produceva miglioramenti rispetto alla diluizione con acqua, ma a volte causava proprio disastri, come nel caso dell’alcool che faceva raggrumare il colore intasando l’aerografo. Avevo quindi continuato a diluirli con acqua distillata.

Il problema è che l’acqua da sola non permetteva diluizioni notevoli (sopra il 50/50 per capirci) e il colore tendeva a separarsi, rendendo tutto un po’ complicato.

L’idea è arrivata vedendo i video che girano in questo periodo e che parlano della tecnica della Color Modulation, dove per diluire i colori acrilici della Tamiya, viene utilizzato il diluente per Lacquers, quello della Tamiya nella tanichetta col tappo giallo.

Ovviamente il passo per provare con i Vallejo è stato breve e i risultati sono stati entusiasmanti. Continua la lettura di Diluire i Vallejo Model per l’aerografo, ma non solo con l’acqua.

Alchimista di Dirz

L’altra miniatura presa da Confrontation che ho voluto provare a dipingere è, per correttezza, il nemico naturale del Wolfen, ovvero il Clone degli Alchimisti di Dirz. I cloni sono macchine da guerra, costrutti realizzati a partire da conoscenze ingegneristiche e genetiche.

Clone Centurus: Finito!

Continua la lettura di Alchimista di Dirz

Battitore Wolfen

Ho ripreso a colorare alcune miniature della Rackham, che ho recuperato dalle vecchie scatole di quando giocavo a Confrontation.

Battitore Wolfen di Yillia: 28mm Rackham.
Ho sempre pensato che la Rackham fosse anni luce avanti alla Games Workshop come qualità e come design ed i suoi personaggi sono un vero piacere da dipingere.
Continua la lettura di Battitore Wolfen

Vallejo Air e Vallejo Model per aerografo.

Vallejo

vallejo_air

Ultimamente mi è capitato di utilizzare per un paio di modelli (e numerose prove) i colori acrilici della Vallejo. Sono acrilici vinilici che avevo già avuto modo di usare parecchio quando dipingevo le miniature di Warhammer, ma al tempo li avevo usati solo a pennello. La speciale formulazione vinilica, unita ad una corretta diluizione e ad un pennello di qualità permetteva di evitare facilmente i segni delle pennellate, anche su superfici piuttosto estese.

Avendone in casa diversi ho voluto provarli ad aerografo per vedere se potevo sfruttarli anche con questa tecnica.

I risultati sono stati più che soddisfacenti, anche se ho dovuto fare diverse prove prima di ottenere risultati passabili.

Il primo punto è che vanno diluiti molto. La diluizione è probabilmente quella valida per ogni acrilico da dare ad aerografo, ma per passare dalla condizione “da bottiglietta” a quella “spruzzabile” con i Vallejo la quantità di acqua da aggiungere è davvero tanta!

Il secondo punto è il diluente giusto. Io ho provato un po’ di tutto, acqua distillata, diluente Vallejo, alcool etilico ed isopropilico, acqua+ammoniaca, vetril ed i risultati migliori li ho ottenuti con l’acqua distillata. Quindi ho concluso che per i Vallejo l’acqua sia il diluente perfetto. Anzi, con i liquidi che contenevano ammoniaca ho avuto problemi di intasamento della duse, dovuti al fatto che il colore tendeva ad “ingommarsi”.

I problemi di essicamento del colore sul beccuccio dell’aerografo li risolvo tenendo a portata di mano un pennello ed un bicchierino di acqua pulita con cui passare la duse quando il colore fatica a fluire.

Vallejo Air

Confortato dai risultati ottenuti con i Vallejo Model Color (quelli “normali”) ho deciso di provare gli Air, espressamente pensati per l’utilizzo con l’aerografo.

Risultato? Praticamente nessuna differenza! O meglio, si, sono un po’ più diluiti di partenza, ma è impossibile usarli senza una corretta (ed aggiuntiva) diluizione e i problemi di essiccamento sono gli stessi.

I trasparenti inoltre (in particolare quello lucido) mi hanno dato non pochi problemi, anche se poi il risultato finale, una volta trovata la corretta diluizione, è valido.

In pratica, visto la maggiore difficoltà nel reperire gli Air rispetto ai Model Color e vista la gamma cromatica minore, non so quanto possa essere conveniente scegliere i primi rispetto ai secondi.