Archivi tag: modellismo

Ma.K. AFS Polar Bear: Il ritrovamento. (FINITO)

Ho finito la lavorazione anche di questo mini diorama. L’idea era quella dell’esploratore, che aggirandosi su questo pianeta congelato, ritrova una capsula di salvataggio abbandonata, con dentro una persona in stato di ibernazione.

Il modello è il Polar Bear, della serie Ma.K. (Maschinen Krieger), in scala 1/20.

E’ stata fatta qualche modifica lieve all’armatura, ma nulla di particolare.

La base del diorama è in polistirolo ad alta densità, reperibile in tutti i brico center.

Il terreno è cartapesta, ricoperta con sabbia e vinavil, mentre le rocce provengono dai sacchetti di sassolini per decorare i vasi dei fiori (Ikea o simili).

Per simulare la neve e soprattutto i ghiaccioli, ho utilizzato i prodotti della Vallejo per fare l’acqua.

I ghiaccioli in particolare sono ottenuti a partire da dei fili di plastica trasparente (vanno benissimo le fibre ottiche), ricoperte di un sottile strato di cianoacrilato e poi da diverse mani di preparato per acqua gel. Asciugandosi il preparato diventa trasparente e simula in maniera credibile il ghiaccio.
Continua la lettura di Ma.K. AFS Polar Bear: Il ritrovamento. (FINITO)

La cabina di aspirazione per l’aerografo.

Sembra incredibile, ma il modellismo non è un hobby così tranquillo come potrebbe sembrare. Magari non si corrono i rischi legati ai traumi da sport estremi, ma ci sono comunque un sacco di cose cui conviene prestare attenzione.

Cabina di aspirazione.

La principale fonte di problemi è sicuramente data dall’enorme quantità di sostante potenzialmente pericolose e tossiche con cui entriamo in contatto, a partire dalle colle (difficilmente rinunciabili) fino ai solventi per i colori (altrettanto indispensabili).

Continua la lettura di La cabina di aspirazione per l’aerografo.

Ma.K. AFS Polar Bear: Il ritrovamento. (W.I.P.)

Sto proseguendo il lavoro sul Ritrovamento. Per non perdere l’occhio sulle proporzioni ho deciso di seguire il consiglio di Jose Brìto nel suo ultimo libro sui diorami e sto portando avanti contemporaneamente la modellazione dello scenario e la realizzazione del modello.

Continua la lettura di Ma.K. AFS Polar Bear: Il ritrovamento. (W.I.P.)

Ma.K. AFS Polar Bear: Il ritrovamento. (WIP)

Inizio un nuovo lavoro, questa volta con un modello della serie Maschinen Krieger (Ma.K.) del maestro Kow Yokoyama. Il modello è il Polar Bear, il più “standard” tra gli Armored Fighting Suits e il primo di una “trilogia” che vorrei completare (gli altri due modelli che ho inscatolati e pronti per i lavori sono il S.A.F.S. e il Melusine).
Per ognuno vorrei realizzare una scenetta in cui inserirlo, a partire da quella del Polar Bear, ovviamente a tema invernale.

Continua la lettura di Ma.K. AFS Polar Bear: Il ritrovamento. (WIP)

Fotografare i modellini.

Mi sono reso conto che il tutorial sulla fografia delle action figures (Fotografare le action figures) che avevo scritto si può applicare tranquillamente anche ai modelli in plastica, quindi lo ripropongo anche a tutti i modellisti 😉

Consiglio anche di dare un’occhiata alla recensione sulle lampade full spectrum (Lampade full spectrum)

Costruirsi una valigetta per il modellismo.

Penso che uno dei problemi principali che si incontrano modellando, sia la mancanza di spazio e costruire una valigetta per il modellismo che tenga organizzato tutto, possa essere una buona soluzione.

Non ce n’è mai abbastanza e non è mai abbastanza organizzato. In più, diciamocelo, spesso noi modellisti siamo un po’ maniaci e ci piace avere tutte i nostri attrezzini bene in ordine ed allineati.

A questo si aggiunge poi che alcuni modellisti lavorano anche fuori casa, in particolare mi riferisco a chi frequenta club o ritrovi tra amici.

Essendo io un modellista fissato con l’attrezzatura e che lavora anche fuori casa ho voluto provare a trovare una soluzione, dotandomi di un “laboratorio portatile” per poter lavorare un po’ ovunque. Il risultato è stata una valigia per il modellismo, che potesse essere contemporaneamente capiente, funzionale e comoda. Continua la lettura di Costruirsi una valigetta per il modellismo.

Diorama Armored Core Hogire: L’Agguato (2.0)

Ho finito il mio primo diorama, intitolato “L’Agguato (2.0)”. Il titolo ed il tema sono un po’ un tributo (per quanto possa tributare io i lavori degli altri… :-D) a tutti i diorami che trattano di agguati, imboscate e altre situazioni di guerriglia che ho visto negli anni. Di solito erano uomini contro carri, questa volta sono uomini contro un robot.
Continua la lettura di Diorama Armored Core Hogire: L’Agguato (2.0)

Simulare la ruggine e le scrostature con la tecnica del sale.

Dopo aver tanto letto (e tanto visto ottime realizzazioni) ho deciso di provare anch’io la tecnica del sale per ottenere delle scrostature realistiche.

Il pezzo cavia ideale è stato il rottame dell’Hummer in 1/72 che andrà nel diorama del Armored Core. L’idea era quella di simulare una carcassa abbandonata, parzialmente carbonizzata e arrugginita.

La base di partenza è una macchinina in scala imprecisata, recuperata per 1€ in un negozio di giocattoli. Anche se non è esplicitato chiaramente, direi che la scala è verosimile, visto che il diorama sarà in 1/72.

tecnica del sale

Continua la lettura di Simulare la ruggine e le scrostature con la tecnica del sale.

Hasegawa Egg Planes: Mitsubishi A6M “Zero”

Nelle pause dei lavori più “importanti” porto avanti anche lo Zero, è talmente carino e divertente da fare che sarebbe proprio un peccato non finirlo (in tempi non biblici).

Ieri sera ho proseguito con la colorazione, cercando di applicare qualche principio di “Color Modulation”, in particolare l’alta diluizione dei colori Vallejo con un misto 40/60 di diluente Lacquer Tamiya e acqua distillata. Con questa formulazione sono arrivato fino a diluzioni di 1 a 4 senza problemi di ragnatele e con una finitura molto fine e satinata.

Ora manca l’ultimo colpo per finire fuori tutto…

Zero: Hasegawa Egg Plane Zero: Hasegawa Egg PlaneZero: Hasegawa Egg Plane


Alchimista di Dirz

L’altra miniatura presa da Confrontation che ho voluto provare a dipingere è, per correttezza, il nemico naturale del Wolfen, ovvero il Clone degli Alchimisti di Dirz. I cloni sono macchine da guerra, costrutti realizzati a partire da conoscenze ingegneristiche e genetiche.

Clone Centurus: Finito!

Continua la lettura di Alchimista di Dirz