Archivi tag: blender

From Blender to a 3D printed something.

A scale modeler friendly view on 3D printing.

This is not my first attempt to go from Blender to a 3D printed object (Shapeways prototyped doll), but this time i’m taking it a little bit more serious.

From Blender to 3D Printing

Blender is proving a great tool to quickly (but quite accurately) produce good quality 3D geometry to later pass to a 3D printing service. Also if it is not providing extremely accurate measurement, a paying a little attention on how to design the object can lead to very good results, also because the modeler will use the produced object as a solid base to further works and enhancements, rather than as a finished product.

Also finding professional printing services is now easier, also without going for the online alternative. Nothing bad with Shapeways, of course, but a more accurate research near you can reserve some good surprise (like a cheaper alternative and a better pre production aid).

SLS Printed parts

The need for not so small pieces, with a good measure accuracy but not so much surface details, drive me to the choose of a SLS Selective Laser Sintering solution, using Nylon powder as a base material. So, if you’re a modeler, going from a quite rough surface to a mirror polished finish is just a matter of time, good automotive primer/filler (go just for the professional grade kind, the generic bricolage version is just a waste of time and money) and wet sanding.

This is just the first step, next move will be produce good quality molds to transform master 3D printed pieces in small production series goods. Also producing a bit larger molds than i was used to produce could be an interesting challenge, and a chance to try new materials. So i hope the next article will be on how to recast 3D printed objects using the standard modelers methods (RTV silicone molds, PU resin, etc…).

Pirates of the Death’s Fangs: Dune Buggy corazzato.

Sto iniziando a pensare anche al lavoro sul dune buggy corazzato in dotazione ai pirati. Il nome provvisorio potrebbe essere Crawler, vediamo se nel frattempo mi uscirà qualcosa di meglio 😀

Per progettarlo ho deciso di utilizzare Blender (www.blender.org) un programma open source di modellazione 3d che negli anni è diventato uno dei miei strumenti di lavoro preferiti. Con l’aggiunta della plugin per la gestione dei papercraft (http://wiki.blender.org/index.php/Extensions:2.6/Py/Scripts/Import-Export/Paper_Model) sono riuscito a gestire un processo di lavoro che, partendo dal modello 3d, fornisce i tracciati in vettoriale da poter stampare e usare per tagliare il plasticard a mano o ora che ho il Silhouette Cameo farli tagliare al plotter!

Il fatto di usare un programma di modellazione 3d permette anche di ottenere le misure esatte per tagliare le strutture tubolari del frame ed avere un idea chiara delle misure degli accessori che andranno realizzati a mano o con altri sistemi, come le ruote e l’armamento.

Come prima cosa ho fatto un disegno d’insieme con un uomo, un’armatura e una bozza del mezzo, per avere le giuste proporzioni. Una volta importato il disegno in Blender l’ho usato come riferimento per modellare il mezzo.

Pirates of the Death's Fangs Buggy

Come sempre è stato fondamentale reperire su internet il maggior numero di foto possibili di mezzi off road e telai per dune buggies, da usare come riferimento per l’ispirazione e per evitare errori eccessivi (nonostante si tratti di mezzi di fantasia, penso che un minimo di realismo sia corretto).

Dopo aver realizzato un primo modello di massima ho fatto un video per avere un idea generale del mezzo, con e senza carrozzeria:

Scelta l’idea di massima ho iniziato a disegnare il telaio tubolare, visto che poi dovrà anche essere realizzato e oltre al concept ci vuole anche un progetto esecutivo:

Per ora è tutto, il disegno è al vaglio di alcuni amici che mi aiuteranno a limare le ingenuità, poi toccherà alle misure e al taglio dei tubi per realizzare il telaio… tutti i rendering sono stati effettuati usando Freestyle.

Pirates of the Death's Fangs Buggy

Zaku II RG Custom “Koi” WIP 2 : Scratchbuilt shield

To help the process of scratchbuilding the Zaku II RG “Koi” shield i’m testing a new method, drawing it in 3d using the Opensource modeler “Blender” (www.blender.org).

The idea is to “prototype” the shield in full 3D, and then to “unwrap” the object and print the unwrapped image on a adhesive paper sheet.

To unwrap the object, i’ve used the “Export Paper Model From Blender” plugin (https://github.com/addam/Export-Paper-Model-from-Blender/), that generates an SVG file with the object totally unwrapped.

The SVG file was then edited with Inkscape, to correct the size and printed on adhesive paper.

The paper was then applyed to a sheet of plasticard, cut out and glued togheter…

This is the result:

And here the complete process resumed:

If the piece to create is simple enough to be designed with Blender, the complete process is quite easy, and the result in, on my advice, really interesting!

What do you think about it? Let me know… :)

Blender 3D e la prototipazione rapida.

Spesso mi rendo conto che nell’ambito dei progetti fantasy, i complementi più adatti mancano, quindi ho pensato che Blender 3d e la prototipazione rapida potessero essere una soluzione.

Il mondo è pieno di fantastici figurini di marine della 2° guerra mondiale o di carristi tedeschi in ogni posa, ma quando i soggetti diventano moderni o si esce dalla scala 1/35 (i Ma.K sono 1/20), non c’è praticamente nulla.

Per questo motivo ho deciso di rispolverare Blender e le mie “competenze” di modellatore 3D (ho iniziato a lavorare in campo informatico come disegnatore ^_^) per vedere cosa riesco a mettere assieme, con l’idea poi di passare alla stampa su Shapeways (www.shapeways.com).

Continua la lettura di Blender 3D e la prototipazione rapida.

Shapeways: sono arrivati i primi prototipi di Clara.

La confezione con i prototipi da Shapeways

Questa mattina è arrivato il pacchetto da Shapeways con i primi protipi di Clara (due corpi ed una testa).

A parte il costo decisamente contenuto dell’operazione (20€ per tutto, spedizione e IVA inclusa), la qualità dei prodotti è davvero notevole.
Tenendo presente che i files di Blender da cui è stata realizzata la prototipazione erano molto grezzi (pensavo di usarli solo come riferimenti per la modellazione a mano), il risultato è rimasto assolutamente conforme al progetto.
Il materiale che ho scelto è il WFS, una plastica sinterizzata bianca, dura e molto resistente, con il feeling al tatto di un sasso leggermente ruvido.

La sfida ora sarà proprio quella di ridurre questa ruvidezza fino al grado di levigatezza necessario, ovvero quello di una superfice in pvc o vinile.


Trust TB-7300 e Mac Os x

 

La TB-7300, tavoletta widescreen della Trust
La TB-7300, tavoletta widescreen della Trust

Dopo aver visto sul sito della Wacom la presentazione della nuova Intous 4 (http://www.wacom-europe.com/index2.asp?pid=245&lang=en) sono stato assalito dalla voglia di sostituire la mia super navigata Graphire2 con qualcosa di più recente.

Accantonata per il momento la Intous (si parla di 369€ per il modello M, secondo me l’ideale perchè non eccessivamente ingombrante, ma già dotato dei display oled) ho cercato un’alternativa più “budget”.

Vista anche l’ampia diffusione presso la grossa distribuzione, ho optato per la Trust TB-7300, una tavoletta in formato A4 esteso, alla più che ragionevole (e sospetta) cifra di 149€ iva inclusa presso ogni Mediaworld.

Dopo un paio di settimane di utilizzo che posso dire… vale i soldi spesi, ma non è una alternativa alle tavolette Wacom.

La realizzazione è solida e il design è gradevole, ma la responsività, sia sotto Osx che Windows è un po’ imprevedibile. Inoltre, ho avuto la dimostrazione che per le tavolette grafiche, la regola del “size doesn’t matter” vale alla grande.

Continua la lettura di Trust TB-7300 e Mac Os x

Clara, la mia prima figure.

 

Le bozze preparatorie per Clara
Le bozze preparatorie per Clara

Dopo qualche mese di pausa (causa super lavoro, altro che pausa) ho iniziato a lavorare alla mia prima figure.

Si tratta di una bambola, con proporzioni e dimesioni ispirate alle Pinky Street. Ho deciso di chiamarla Clara, come piccolo tributo a Clara Rockmore (http://en.wikipedia.org/wiki/Clara_Rockmore).

Su flickr c’è un set dedicato a Clara, con il WIP (work in progress), le immagini, etc. (http://www.flickr.com/photos/alessino/sets/72157616003228817/)

Il primo passo è stato realizzare gli schizzi in vettoriale con Inkscape, dopo di che ho realizzato un modello 3D con Blender per avere tutti i riferimenti necessari per la modellazione.

Il processo dovrebbe poi continuare con la realizzazione del master in Sculpey, poi lo stampo in silicone e alla fine le repliche in resina… ma per ora, sono solo all’inizio ^_^

Seguitemi!

Shapeways e la prototipazione rapida, funzionerà?

 

Lo shop di Ultramini! su Shapeways
Lo shop di Ultramini! su Shapeways

Ieri ho ordinato su Shapeways (www.shapeways.com) un prototipo di Clara.

Ovvero? Ovvero ho scoperto questo servizio di prototipazione rapida, dove basta fare l’upload dei propri files 3D (blender esporta nativamente nel formato supportato da Shapeways) per ottenere in tempo reale un preventivo.

Una volta realizzato che il corpo mi sarebbe costato 6$ e la testa poco più di 11$ non ho resistito è ho fatto l’ordine.

Teoricamente, in 10 giorni dovrebbe arrivare il tutto.

Nel frattempo, visto che c’ero ho anche aperto uno shop presso di loro. Accorrete numerosi ad acquistare copie 3D di Clara, per ogni vendita, riceverò un markup ^_^.

Questo è l’indirizzo dello shpo: http://www.shapeways.com/shops/ultramini

Chiunque voglia provare può fare l’upload dei suoi files 3D, basta ricordare che:

  • il modello dev’essere “watertight”, cioè non avere facce “bucate”
  • se ci sono pareti o punti sottili, devono avere uno spessore medio di almeno 2mm
  • il modello non deve avere vertici “not manifold”
  • il file dev’essere in formato x3d (è un formato XML)

Per maggiori informazioni, sul sito di Shapeways ci sono dei tutorial molto completi su come progettare e realizzare con Blender dei modelli ottimizzati per essere stampati in 3D.