6094704908_36cabb9175_z

Stryker Trumpeter 1/72 WIP 5 – La basetta.

Colorazione e invecchiamenti

Il mezzo ormai è completato, ho finito di montare i carichi e ho dato gli ultimi ritocchi di drybrush ad olio. Ora tocca alla basetta e poi l’applicazione degli ultimi pigmenti per simulare la polvere nella parte bassa dello scafo.

La basetta

La base in poliuretano

Per la basetta ho proceduto con il metodo che ormai utilizzo da parecchi lavori. Sono partito tagliando un pezzo di poliuretano ad alta densità un materiale che si trova in lastre di vario spessore, nei negozi/centri bricolage.

In origine penso si tratti di materiale isolante da costruzione e per gli scopi modellistici è ottimo. Si presenta leggero come il polistirolo, ma molto più compatto e solido e senza le “palline” classiche, ma piuttosto come una solida schiuma.

Io in genere uso la versione da 4cm di altezza, che da già da sola una buona base scenografica, se si vuole una base più alta basta sovrapporre più strati e stuccare le giunzioni.

The Bridge.

Il terreno

Per il terreno invece ho utilizzato una base di stucco acrilico, altro prodotto da brico center. Ho scoperto con l’utilizzo che questo tipo di prodotto ha una caratteristica molto interessante: se depositato in abbondanza (circa tra 0.5 e 1 cm di spessore) asciugandosi tende a creparsi, con un effetto scenico molto interessante.

La sabbia e le pietre provengono invece da vari set di sabbie per fioristi e sassolini decorativi. A questo scopo, consiglio sempre di dare un’occhiata in giro quando si va per negozi di arredamento o di accessori per la casa, capita di trovare sabbie e sassi molto interessanti, per forme e granulometrie.

La colorazione del terreno è fatta ad aerografo, con un mix di XF-5 Flat Green, XF-10 Flat Brown, XF-26 Deep Green, XF-27 Black Green, XF-57 Buff e XF-59 Desert Yellow. Per evidenziare le crepe e i recessi sotto le pietre ho usato un lavaggio ad olio con Burnt Umber.

L’erba è stoppa da idraulico, colorata ad olio con verde scuro e burnt umber (sull’erba scriverò qualcosa di specifico).

La scenetta finale

Questa è la scena finale, in attesa di completare gli ultimi ritocchi a pennello sui dettagli in evidenza e di applicare i pigmenti alla strada e ai pneumatici:

5 pensieri su “Stryker Trumpeter 1/72 WIP 5 – La basetta.”

  1. Ciao Alessio

    Scusa se ti disturbo di sabato. Ti volevo chiedere se lo stucco acrilico e quello a base di nitro o altro grazie

    1. No no, lo stucco nitro è un’altra cosa. Devi cercare qualcosa che si chiami “stucco acrilico” o “base acrilica”, di solito è in barattoli di plastica e se lo scuoti è piuttosto liquido. Nel reparto belle arti potresti trovarlo anche col nome “gesso acrilico” o “gesso primer”. Io ora ho trovato e uso quello Maimeri.

Lascia un Commento, lo apprezzerò molto!