NZ-666 Kshatriya Banda (1/144)

Bandai Gundam: NZ-666 Kshatriya in 1/144 Completed

NZ-666 Kshatriya

La galleria del modello terminato.

Da questo link è possibile scaricare il pdf del booklet di presentazione del modello: Building the NZ-666 Kshatriya

Enjoy! :)

[miniflickr user_id=”21917052@N08″ tags=”nz-666,finished” tags_mode=”all”]

4 pensieri su “Bandai Gundam: NZ-666 Kshatriya in 1/144 Completed”

  1. Ciao e buone feste!
    E già che ci siamo, BUON ANNO!!!!

    Scrivo qui perchè il mio primo modello finito ora ora è un Bandai (MSM-07 E) e volevo rimanere in tema.

    Sono molto contento del risultato anche se ci sono 1000 problemi. Il problema più grave però, che ha compromesso tutto il lavoro è lo scrostamento del colore :(
    Ho utilizzato colori, diluente e primer tamiya.
    Cmq una volta che attaccavo i pezzi colorati, bastava che un pezzo entrasse in un altro e trak! Il colore salta via mostrando sotto il primer. Sicuramente ho diluito troppo il colore e quindi gli strati di colore sono sottili, ma questo con mi succedeva con gli acrilici tipo valleyo!
    Suggerimenti a riguardo?

    Intanto rinnovo i miei auguri!! ^______^

    Ciao e grazie.

    Franco

    1. Ciao Franco, buon anno! :)

      E’ strano il problema dello scrostamento del colore, perchè in genere il Tamiya è un acrilico abbastanza resistente, se lasciato asciugare bene.
      Tieni presente che comunque un acrilico a base alcolica come il Tamiya è comunque meno resistente di uno a base vinilica, come i Vallejo.

      Giusto per verifica, avevi mescolato bene il colore nel boccetto prima di diluirlo?

  2. Ciao Alessino:)
    Grazie per la spiegazione! Asciugato bene penso di si, prendendo un pezzo con le dita non lasciava colore.
    Ecco sul mescolato bene… credo di si, circa 1 minuti per ogni boccetta, dal prossimo modello mischierò il colore anche con una palettina prima di miscelarlo al diluente! Ma esiste un qualche tipo di fissante x i tamiya che non sia lucido? Mi informerò :)

    1. Ciao Franco,

      per facilitare il mescolamento del colore quando lo sbatto, inserisco sempre un dado M6 (inox o zincato) nel boccetto di colore (si può fare lo stesso se trovi delle sferette d’acciaio).

      Altrimenti c’è chi usa uno strumento apposito, una specie di minifrullatore, che immerso nel colore lo mescola alla perfezione. Lo fa la Trumpeter o è facilmente ricavabile dai “cappuccinatori” a batterie. Io però l’ho sempre trovato superfluo :)

Lascia un Commento, lo apprezzerò molto!